TERZA DOMENICA DI AVVENTO

Ecco la prima condizione della gioia cristiana: decentrarsi da sé e mettere al centro Gesù.
Questa non è alienazione, perché Gesù è effettivamente il centro, è la luce che dà senso pieno alla vita di ogni uomo e donna che viene a questo mondo.
È lo stesso dinamismo dell’amore, che mi porta a uscire da me stesso non per perdermi, ma per ritrovarmi mentre mi dono, mentre cerco il bene dell’altro.
Papa Francesco - 13 dicembre 2020

SECONDA DOMENICA DI AVVENTO

E allora si è tentati di dire che è impossibile convertirsi veramente. Quante volte abbiamo sentito questo scoraggiamento! “No, non ce la faccio. Io incomincio un po’ e poi torno indietro”. E questo è brutto. Ma è possibile, è possibile. Quando ti viene questo pensiero di scoraggiarti, non rimanere lì, perché questo è sabbia mobile, è sabbia mobile: la sabbia mobile di un’esistenza mediocre. La mediocrità è questo. Che cosa si può fare in questi casi, quando uno vorrebbe andare ma sente che non ce la fa? Prima di tutto ricordarci che la conversione è una grazia: nessuno può convertirsi con le proprie forze. È una grazia che ti dà il Signore, e pertanto da chiedere a Dio con forza, chiedere a Dio che Lui ci converta, che davvero noi possiamo convertirci, nella misura in cui ci apriamo alla bellezza, alla bontà, alla tenerezza di Dio. Pensate alla tenerezza di Dio. 
Papa Francesco - Domenica 6 dicembre 2020

RICOMINCIA IL CATECHISMO!!!

Carissimi,
con grande gioia, vi vogliamo raccontare che il catechismo, che solitamente iniziava ad ottobre, sta ripartendo!

È consuetudine lasciare il tempo alle famiglie di riprendere il ritmo dell’inizio della scuola, organizzarsi con le attività sportive prima di inserire nella loro routine anche il catechismo. 

Tuttavia quest’anno è stato necessario più tempo, a causa delle difficoltà organizzative che la situazione sanitaria di questi mesi ci ha posto.

Dopo aver celebrato con relativa serenità le Cresime e le Prime Comunioni a settembre, abbiamo ripensato come poter rispettare le norme di distanziamento e mantenere i giorni “di frequenza” a cui le famiglie sono abituate, dando la preferenza ad una ripresa in presenza perché il cuore del catechismo è sempre stato la relazione. 

Quindi ecco di seguito la nostra attuale proposta per ciascuna fascia d’età cominciando dai più grandi.

Prima e seconda media: hanno incominciato già dai primi di novembre con uno speciale incontro settimanale in chiesa, in sostituzione degli incontri a gruppi alterni che si erano pensati ad ottobre. Si prosegue ora alternando incontro in chiesa partecipando alla Messa a loro dedicata il mercoledì e uno online la settimana successiva. 

La quinta elementare, che ha ricevuto la Prima Comunione a settembre, ripartirà a breve e le catechiste sono sempre in contatto con le famiglie. 

La quarta e la terza elementare, dopo alcuni tentativi per trovare la formula migliore, su richiesta della maggioranza dei genitori, si incontrerà online rispettivamente il giovedì e il mercoledì. 

La seconda elementare, fascia d’età in cui comincia il catechismo, richiede invece un’attenzione particolare, e abbiamo preferito aspettare di poter riprendere gli incontri in presenza per poterli introdurre al meglio a questo cammino.

Invitiamo i genitori di questi bambini a partecipare alla vita comunitaria ricordando che i primi catechisti sono loro.
Qualora ci fossero proposte migliori vi invitiamo a proporle al parroco. 
Ricordiamo infine a tutti che le Sante Messe si svolgono regolarmente e nel pieno rispetto delle norme anticovid.

Ripartire non è mai stato così difficile, ma ci proviamo!!!

 

Il don e le catechiste

Cari fratelli e sorelle,
buon cammino
insieme!
Siate aperti
alle sorprese
dello Spirito,
alla grazia
dell’incontro,
dell’ascolto reciproco,
del discernimento.
Con la gioia
di sapere che
è il Signore
il primo
a venirci incontro
con il suo amore
#Synod
#ChiesainAscolto
PAPA FRANCESCO
@Pontifex.it  17 ott 2021

Newsletter

Inserisci i tuoi dati per essere inserito nella newsletter parrocchiale e rimanere sempre aggiornato con le ultime novità.