EMERGENZA CORONAVIRUS

COMUNICATO DEI VESCOVI DELLA LIGURIA - 8 marzo 2020

Cari sacerdoti e cari fedeli,
rinnoviamo, specialmente in questo tempo di prova, l’invito ad intensificare la preghiera personale e in famiglia, la Liturgia delle Ore, la lettura della Parola di Dio, la recita del Rosario, la Comunione Spirituale, la devozione alla Madonna e ai Santi, il digiuno, la carità. Il Signore faccia cessare il flagello del virus, doni la guarigione ai malati, dia la pace ai defunti, consoli chi è nel dolore e nel disagio, faccia crescere la fraternità, dia forza a quanti operano nell’assistenza sanitaria e a chi deve affrontare gravi problemi sociali ed economici.

Inoltre, in seguito al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPCM 08/03/2020), e, in particolare, all’art. 2 comma “V”, in vigore da oggi sino al 3 aprile 2020 e al Decreto della Conferenza Episcopale Italiana (C.E.I.)-Ufficio Comunicazioni Sociali (08/03/2020)

si dispone:

1)     che le chiese restino aperte per la visita, la preghiera personale e la celebrazione del sacramento della Riconciliazione, fatta salva “l’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone […] e da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza fra loro di almeno un metro” (Decreto DPCM 08/03/2020 art. 2 comma “V”);

2)     visto che “l’interpretazione fornita dal Governo include rigorosamente le Sante Messe e le esequie tra le cerimonie religiose” (Decreto C.E.I.), la sospensione di tutte le celebrazioni religiose pubbliche e liturgiche, comprese le Sante Messe, i Battesimi, le Prime Comunioni, le Cresime, i Matrimoni e i Rosari organizzati. I fedeli sono, pertanto, dispensati dal precetto festivo, come avviene in altre occasioni di grave impedimento oggettivo;

3)     che nei locali e nelle opere parrocchiali non si prevedano incontri, iniziative, riunioni, compresa l’attività catechistica; che sia sospesa la benedizione delle famiglie; che siano sospesi convegni e riunioni di formazione a livello vicariale e diocesano.

4)     che, in osservanza al decreto in oggetto, siano sospesi i funerali. Nel rispetto della norma, che chiede di evitare assembramenti di persone, è possibile la benedizione del feretro davanti alla chiesa o al cimitero.

Esortiamo i Presbiteri, seppure senza la partecipazione dei fedeli, a celebrare quotidianamente la Santa Messa.

La presente lettera è condivisa da tutti i Vescovi della Regione Ecclesiastica Ligure, tenendo conto che S. E. Mons. Vittorio Viola, Vescovo di Tortona, emanerà alcune specifiche disposizioni, essendo la Diocesi estesa su quattro regioni italiane.

Mentre ci affidiamo alla Santa Vergine, Madre della Speranza, invochiamo su tutti la Benedizione di Dio

Pregare
significa
intercedere
per il mondo,
ricordando
che esso,
nonostante
tutte le sue
fragilità,
appartiene
sempre
a Dio
PAPA FRANCESCO
@Pontifex.it 17 giu 2020

Newsletter

Inserisci i tuoi dati per essere inserito nella newsletter parrocchiale e rimanere sempre aggiornato con le ultime novità.